Squadra vincente non si cambia

Per soddisfare gli elevati standard qualitativi dei propri clienti, Hetec (azienda tedesca specializzata nella produzione di componenti complessi, utilizzati nella costruzione di attrezzature e stampi o di attrezzature complesse di grandi dimensioni) ha scelto di investire in differenti tecnologie, tra cui diversi centri di lavorazione a 5 assi Hermle.

di Elisabetta Brendano

Nel senso più stretto del termine lo slogan proprio dell’azienda “Il rendimento non è frutto del caso” collima con la filosofia e la strategia del fornitore di tecnologia di fresatura Hetec di Breidenbach, in Germania. Chi come Friedhelm Herhaus, sul (troppo) lungo termine, non riesce a mettere “a frutto” nella pratica le proprie conoscenze e capacità a vantaggio dei clienti, non può che intraprendere la strada dell’autonomia. Il primo passo, insieme al fratello Günter, è stato fondare la Hetec a Bad Laasphe. Con i volumi d’affari in crescita, un altro fratello, Werner, è diventato il terzo componente a unirsi all’impresa, e nel 2000 la costituzione della Hetec ha segnato un momentaneo punto finale nello sviluppo dell’azienda.
E “momentaneo” è esattamente il termine giusto: in rapida sequenza, infatti, si sono susseguiti gli investimenti in sistemi CAD/CAM (a 3 assi) e nel 2002 nel primo centro di lavorazione a 5 assi e nel relativo ambiente organizzativo e tecnico. Con la specializzazione nella lavorazione di pezzi di grandi dimensioni, nel 2003 è sorto un nuovo capannone produttivo presso l’attuale sede di Breidenbach. Su questa scia, i fratelli amministratori (ciascuno per il proprio settore di competenza) hanno effettuato ulteriori investimenti in sistemi CAD/CAM e in macchine utensili CNC finalizzati all’ottimizzazione dei cicli lavorativi e al monitoraggio remoto dei processi lavorativi. Grazie a tali interventi hanno potuto offrire alla propria clientela una tecnica di produzione “state of the art” destinata alla realizzazione di componenti particolarmente impegnativi e complessi, utilizzati nella costruzione di attrezzature e stampi o di attrezzature complesse di grandi dimensioni.

Superate le 30.000 ore di attività utilizzando ancora il primo mandrino
Per soddisfare gli elevati standard qualitativi richiesti dai propri clienti, dal 2009 Hetec ha scelto di investire in diverse tecnologie tra cui i centri di lavorazione a 5 assi Hermle. La prima macchina introdotta in azienda è stata un centro di lavoro C 40, a cui sono seguiti un centro C 30 U e – non appena disponibili – le prime grandi macchine delle serie C 60 U e C 50 U. Col tempo, si sono aggiunte anche una macchina di tipo C 400 U per lavorazioni più piccole e, infine, un centro di grandi dimensioni C 52 U. Friedhelm Herhaus commenta così la collaborazione con Hermle: “Con Hermle al nostro fianco, siamo stati e continuiamo a essere consigliati in maniera ottimale ed equa. Siamo ancora entusiasti del concetto dei 5 assi, dell’efficienza, dell’elevata accuratezza, dell’accessibilità, del servizio impeccabile e veloce, oltre che dell’eccellente supporto in tutte le fasi di progetto”. A riprova di ciò, Herhaus ha ricordato il fatto che il centro di lavorazione C 40 U, introdotto in azienda nel 2009, a oggi ha superato le 30.000 ore di funzionamento del mandrino, montando ancora il primo ricevuto in dotazione con la macchina. Inoltre, avendo come riferimento un protocollo di misurazione redatto nel 2016, i valori di precisione di sette anni fa sono stati pienamente confermati. Ciò che colpisce è che i centri di lavorazione Hermle hanno in dotazione “solo” i magazzini utensili standard, nonostante il vasto campo di impiego che comprende la lavorazione completa e le operazioni di finitura. Il motivo di ciò è che Hetec ha scelto di sviluppare un proprio sistema di gestione per il magazzino e gli utensili, con cui, conformemente all’ordine, vengono attrezzati tutti i centri di lavorazione e le fresatrici, che del resto dispongono di identici portautensili HSK-A63. In questo caso specifico, si tratta di circa 2.000 utensili “affilati” dotati di un supporto di dati, di cui circa 250 diversi utensili per la fresatura e circa 300 per le operazioni di foratura e filettatura. Gli utensili vengono sostituiti in maniera estremamente semplice e flessibile in base alle esigenze, riducendo così in maniera significativa i tempi di sostituzione e allestimento.

Produzione e monitoraggio eseguiti da remoto
Dopo l’introduzione in azienda del nuovo centro di lavorazione a 5 assi C 52 U, Hetec ha compiuto un ulteriore passo avanti investendo nel pacchetto base HIMS (Hermle Information Monitoring Software), il cui utilizzo permette di visualizzare il life status della macchina e i risultati possono essere inviati anche per e-mail, se necessario.
Tutto ciò si adatta perfettamente alla strategia di produzione e monitoraggio (remoto) di Hetec, che in modalità normale prevede un turno di lavoro mentre in casi specifici prevede il funzionamento automatizzato (monitorato). Con una zona di lavoro pari a X 1.000 mm, Y 1.100 mm, Z 750 mm e una tavola roto-basculante con diametro di 700 mm in grado di gestire un carico massimo di 2.000 kg, il centro di lavorazione C 52 U si adatta perfettamente alle esigenze di una lavorazione completa e all’esecuzione di operazioni di finitura dei componenti o piastre base più complesse per la costruzione di attrezzature
e stampi.

Un cambio completo del pezzo in 15 minuti
Oltre alla qualità delle macchine, Friedhelm Herhaus ha tessuto grandi lodi per il lavoro di squadra condotto con Hermle: “Nonostante la crescente complessità, i centri di lavorazione Hermle sono particolarmente semplici da allestire, hanno una messa in funzione rapida e sono facili da gestire. La buona accessibilità al pezzo ci consente anche di eseguire sulle macchine di grandi dimensioni un cambio completo da un pezzo al successivo in 15 minuti. In questo modo, e senza ulteriore automatizzazione, in qualità di produttori di componenti singoli siamo riusciti a ottenere tempi di funzionamento del mandrino di 400 ore al mese per ogni macchina. Un ottimo esempio dell’efficienza delle macchine Hermle è un progetto che abbiamo realizzato utilizzando il centro di lavorazione a 5 assi C 52 U (una macchina di cui avevamo urgente bisogno per via delle pressanti esigenze dei clienti). L’incarico ci è stato dato a condizione di assicurare una capacità e un’efficienza di 8 x 140 ore, assicurando al tempo stesso consegne puntuali. Con l’aiuto di Hermle, siamo riusciti in breve tempo a installare il centro C 52 U, a metterlo in funzione e a implementare – anche nel lungo termine – la disponibilità operativa. Offrire una soluzione completa come quella proposta da Hermle e consegnarla con puntualità non è da tutti”. Oggi i centri di lavorazione a 5 assi di Hermle sono in funzione presso un capannone climatizzato e sono in grado di rispettare nel tempo le precisioni promesse (come, ad esempio, una deviazione di 2 centesimi di millimetri su una lunghezza di fresatura di 500 mm). Un ennesimo vantaggio che la squadra di Hetec può vantare sulla concorrenza.