Si amplia la famiglia di utensili con una nuova serie di frese

La nuova serie di frese VPX di Mitsubishi Materials, a inserti intercambiabili e ad alte prestazioni, si identifica per l’elevata robustezza e la multifunzionalità, due requisiti imprescindibili nella moderna industria del taglio del metallo.

di Laura Alberelli

Mitsubishi Materials, Advanced Materials and Tools Company, la cui gamma di utensili è commercializzata nel nostro Paese da MMC Italia, ha ampliato la sua vasta gamma di frese a inserti intercambiabili ad alte prestazioni con la serie VPX. Questa linea di frese si identifica per l’elevata robustezza e la mutifunzionalità, due requisiti imprescindibili nella moderna industria del taglio del metallo. Tali esigenze hanno portato il team di progettazione Mitsubishi a ideare una fresa di tipo tangenziale caratterizzata da elevata robustezza in lavorazione. Grazie alla disposizione tangenziale degli inserti, infatti, il nocciolo del corpo della fresa è più grosso rispetto al tipo convenzionale che ha gli inserti disposti in modo radiale. Ciò conferisce una maggiore rigidità complessiva e permette maggiori carichi di taglio senza comportare una flessione eccessiva dell’utensile. In questo modo è possibile ottenere livelli superiori di avanzamento e velocità: gli utenti finali ne beneficiano potendo sfruttare la multifunzionalità degli utensili su diversi lotti di lavoro di piccola entità senza cambiare utensili, riuscendo al tempo stesso ad adottare strategie di lavorazione sempre più efficienti su operazioni di produzione più lunghe, non presidiate e di grandi volumi. Altro requisito richiesto a questa tipologia di utensili è la multifunzionalità. In linea con quelle che sono le esigenze del mercato, le frese VPX possono essere utilizzate per una vasta gamma di funzioni di fresatura: dalla fresatura in spallamento standard passando per la lavorazione in rampa, fino alla realizzazione di tasche. La multifunzionalità è stata infatti un criterio decisivo nei parametri progettuali originali di questa serie di utensili, oltre alla consapevolezza che al giorno d’oggi i clienti richiedono sia elevate prestazioni che fruibilità ottimale, in modo da ridurre le giacenze di magazzino degli utensili stessi.

Una sola geometria per molteplici lavorazioni
Robustezza e multifunzionalità sono garantite anche dalla geometria degli inserti tangenziali. La maggior parte delle frese a inserto tangenziali richiede l’impiego di un inserto dedicato per le applicazioni di lavorazione in rampa; tuttavia, l’innovativa geometria della parte superiore del tagliente impiegata nella serie VPX permette di utilizzarne un solo tipo per ogni tipologia di lavorazione. In questo modo gli utilizzatori finali possono ridurre gli inserti in magazzino, prevenendo inoltre potenziali errori di montaggio che comportano costi elevati. Cosa ancora più importante, gli inserti sono bilaterali, rendendoli così ancora più convenienti. Una superficie piana in un’unica fase lavorata sull’inserto migliora l’evacuazione dei trucioli e durante le lavorazioni profonde garantisce passate precise sulla parete, utilizzando una cuspide di altezza molto piccola (8 µm). Inoltre, il tratto raschiante che termina con un raggio di punta ampio presenta un ulteriore vantaggio, assicurando così una buona finitura superficiale dei componenti fresati. La geometria del lato superiore combina pertanto il tratto raschiante e un angolo di scarico che rende possibile la lavorazione in rampa.

Disponibili otto differenti gradi
Per un bloccaggio stabile e sicuro, il corpo della fresa e l’inserto presentano entrambi ampie aree di contatto su tre lati. In questo modo si elimina il rischio di spostamento dell’inserto causato dagli sforzi di taglio durante la lavorazione. Un’ulteriore porzione di materiale a forma convessa sull’inserto aggiunge robustezza, rigidità e sicurezza del fissaggio inserto. Sono disponibili otto differenti gradi, incluse le ultime serie MP6100, MP7100 e MP9100, per permettere la lavorazione di materiali che vanno dall’acciaio al carbonio all’acciaio inossidabile e temprato, dalla ghisa ai materiali difficili da lavorare. Una fusione delle tecnologie di rivestimento Mitsubishi Tough Sigma, sia PVD che CVD, fornisce una protezione impeccabile per i substrati in metallo duro. Le frese della serie VPX 200 e 300 sono disponibili in due diverse misure, in modo da adattarsi alle macchine di grandi dimensioni così come ai modelli più piccoli. La serie 200 presenta inserti di misura 09, mentre la 300 si avvale di inserti più grandi di misura 12. Entrambe le serie sono disponibili nei tipi a stelo cilindrico, a vite e a manicotto, con un diametro compreso tra 16 e 80.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.