Accessori Made in Italy per macchine utensili

Core business di D’Andrea (azienda di Lainate (MI) tra gli espositori della fiera AMB) è la produzione di accessori di alta precisione per macchine utensili. Due sono le principali linee di prodotto: portautensili di alta precisione e teste per sfacciare e alesare.

di Francesca Fiore

La storia di D’Andrea è costituita da numerosi successi. Le prime serie di teste TA e TS, in grado di eseguire qualsiasi lavorazione di “tornitura a pezzo fermo” sono state lanciate sul mercato negli anni ’50, seguite negli anni ’70 dalle teste automatiche TA-SENSITIVE e U-TRONIC. Negli anni ’80 ha fatto la sua comparsa la testa U-CENTER per i primi centri di lavoro CNC. Con gli anni ’90, grazie allo sviluppo del sistema modulare MODULHARD’ANDREA, ha inizio una fase di crescita importante per l’azienda, confermata negli anni 2000 dal potenziamento dell’assetto produttivo con la nuova sede di Lainate e il nuovo stabilimento nel Centro Italia di Castel Del Giudice, in Molise. Tutta la produzione D’Andrea è rigorosamente Made in Italy.

Un portautensile per alesare, fresare, forare, maschiare
Per quanto riguarda la linea di portautensili, degno di nota è il sistema modulare MODULHARD’ANDREA – MHD’. Si tratta di portautensili per alesare, fresare, forare, maschiare. Caratterizzato da grande flessibilità e semplicità, è adatto a equipaggiare macchine utensili, centri di lavoro e sistemi di produzione flessibili, in grado di consentire lavorazioni con strette tolleranze così da garantire superfici di alta qualità. L’attacco MHD’ è il punto di forza del sistema modulare, perché consente di fresare e alesare con massima rigidità e concentricità grazie all’accoppiamento (brevettato) cilindrico-conico e al perno radiale espandibile per il bloccaggio assiale e il trascinamento.
Nel corso degli ultimi anni, D’Andrea ha sviluppato anche la nuova linea di portautensili modulari PSC (Polygonal Shank Connection) che comprende coni, adattatori, prolunghe, riduzioni e utensili con attacco diretto. Il sistema PSC – realizzato in accordo con le norme ISO 26623-1/2 – va ad affiancarsi al già esistente sistema modulare MHD’, dando così l’opportunità agli utilizzatori di usare entrambe i sistemi sulla stessa macchina utensile.

È possibile lavorare diametri compresi tra 2,5 e 2.700 mm
Ampia è la gamma di testine di sgrossatura e finitura, realizzata da D’Andrea in base alle specifiche esigenze di una clientela sempre più variegata e internazionale. In quest’era tecnologica sostenuta dall’elettronica, la testina micrometrica a lettura digitale TR-Elettra occupa un ruolo di primo piano.
Questa testina di finitura, con spostamento radiale della slitta portautensile visualizzato su un display con risoluzione di 0,002 mm di lettura diametrale, consente la lavorazione di diametri compresi tra 2,5 e 2.700 mm a seconda della taglia scelta (da 32 a 80). Un solo pulsante assolve le funzioni di accensione, reset e scala di lettura in millimetri o pollici. Viene utilizzato l’accoppiamento modulare MHD D’ANDREA o, in alternativa, quello PSC (ISO 26623-1) adattabile su ogni macchina utensile con attacchi base standard. A parità di prestazioni, una valida alternativa è rappresentata dalle testine meccaniche TRM, adatte a eseguire lavorazioni di alta precisione.
La gamma dei portautensili si completa con MONOforce (portautensili di precisione a forte serraggio), TOPRUN (portautensili integrali bilanciabili per alta velocità), MONOd’ (portautensili integrali monoblocco disponibili anche in versione calettamento termico) e MCD’ (linea di utensili e portautensili per applicazioni multitasking).

Teste che equipaggiano le più diverse tipologie di macchine
La linea di teste a sfacciare e alesare, attraverso operazioni di tornitura a pezzo fermo, consente di realizzare profili particolarmente complessi quali alesature e filettature cilindriche e coniche, sfacciature esterne, interne e sottosquadra, raggiature, spirali fonografiche e operazioni sferiche, e ogni tipo di operazione di tornitura mediante l’interpolazione con gli altri assi della macchina utensile. Le diverse tipologie di teste D’Andrea trovano applicazione su differenti macchine utensili come centri di lavoro, fresatrici, alesatrici, macchine transfer, macchine speciali. In questo ambito, D’Andrea propone un’ampia gamma di teste che comprende: TA-CENTER, U-TRONIC, TA-TRONIC, U-COMAX, AUTORADIAL.
Le teste per alesare e sfacciare TA-CENTER sono adatte su macchine con cambio utensile automatico, e pertanto su tutti i centri di lavoro. Il controllo dell’avanzamento e il posizionamento della slitta portautensili, anche durante la rotazione mandrino, avviene tramite l’asse “U” del controllo numerico del centro di lavoro. Il sistema di azionamento della slitta deve essere premontato sul naso mandrino della macchina e consiste in un gruppo di motorizzazione U-DRIVE su cui è installato, a scelta, un servomotore compatibile con il CNC. Se il cambio automatico non fosse richiesto la testa TA-TRONIC, con servomotore montato a bordo, risulta una soluzione vantaggiosa ed economica perché non richiede la predisposizione di un U-DRIVE in macchina.
L’eventuale applicazione su macchine dove l’asse U non sia disponibile nel CNC, può essere fatta gestendo il motore del gruppo di motorizzazione U-DRIVE con un pratico, semplice ed economico posizionatore U-CONTROL con REMOTE-CONTROL wireless. Il posizionatore può essere collegato alle funzioni M del controllo della macchina in modo da ricevere segnali di start delle varie operazioni già programmate sul REMOTE-CONTROL. In alternativa, la testa AUTORADIAL – con funzionamento meccanico – può essere utilizzata per svolgere lavorazioni semplici (come sfacciature) in cui non sia necessario generare profili. Le teste a CN per alesature e sfacciature di medie e grandi dimensioni U-TRONIC consentono di eseguire operazioni di tornitura con pezzo fermo su tutte le macchine utensili. Costruite in vari modelli con dimensioni da 360 a 1.600 mm e indicate per lavorazioni di diametri fino a 3 metri, possono essere applicate manualmente, automaticamente e con sistemi palettizzati su alesatrici, centri di lavoro e macchine speciali. Su richiesta, le teste U-TRONIC sono disponibili in versioni speciali, a due slitte o con contrappesi per l’autobilanciamento, e sulla slitta è possibile applicare portautensili fissi, a cambio manuale o a cambio automatico dell’utensile. Per applicazioni con trasmissione di alta potenza, possono essere forniti anche sistemi di interfaccia tra macchina e testa con riduttore integrato. In ultimo, non certo per importanza, segnaliamo la famiglia U-COMAX. É indicata per applicazioni su macchine transfer e speciali laddove il ciclo di utilizzo è particolarmente gravoso sia in termini di velocità di rotazione sia nel caso venga richiesto alla testa di rimanere in funzione per tempi continuativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.