Alla ribalta, l’evoluzione del CNC (ma non solo)

In occasione di AMB, Hurco presenta la più recente evoluzione del CNC MAX 5: si tratta dell’opzione “Importazione Modello Solido”, un’opzione che riduce in maniera significativa le tempistiche e la possibilità di includere errori in fase di programmazione.

Grazie all’importazione e all’interpretazione di file in formato STEP 3D direttamente a bordo macchina, l’operatore può con semplicità generare i percorsi utensile e verificare la simulazione della lavorazione grazie alla modalità di rendering disponibile sul monitor grafico del controllo, ruotando e visualizzando il modello solido e i relativi percorsi utensile a suo piacimento.

L’intuitività nell’uso del controllo Hurco ne consente l’apprendimento e l’utilizzo anche da parte di operatori non esperti. Altra caratteristica distintiva del controllo numerico Hurco è la grande facilità e velocità di programmazione. In AMB, è possibile vedere l’opzione “Importazione Modello Solido” in esecuzione direttamente su diversi modelli della gamma Hurco a cinque assi.

Per quanto riguarda le macchine, in fiera è in mostra il modello VC500i: appartenente alla serie di macchine a portale a 5 assi, questo centro di lavorazione a colonna mobile è indicato per una vasta gamma di applicazioni, dalla produzione di commessa all’ingegneria meccanica. In rappresentanza dei suoi centri di tornitura multi-asse per la lavorazione di pezzi di medie dimensioni, Hurco presenta inoltre il modello TMM8i, mentre della famiglia di macchine a 3 assi è presente a Stoccarda un modello VM 10 esposto presso lo stand del partner di Hurco Air Turbine.

Post correlato: https://publiteconline.it/newsmec/2019/09/04/macchine-persone-e-passione-al-servizio-della-competitivita/