L’automazione tagliata su misura

A volte investire in sistemi modulari comporta la necessità di acquistare funzioni o componenti aggiuntivi che al momento non sono necessari.
Con il Robot Dynamic 150L di Erowa è possibile automatizzare la produzione di utensili e stampi nell’immediato e, solo successivamente, ampliare l’impianto di produzione.

di Sara Rota

Investire nella produzione è quasi sempre un progetto a medio-lungo termine. Sempre più spesso non è possibile prevedere le esigenze future motivo per cui con il Robot Dynamic 150L Erowa propone un sistema di handling ampliabile in base alle specifiche esigenze di utilizzo. Grazie alla struttura compatta è stato possibile minimizzare lo spazio necessario. L’intera unità di trasferimento è stata configurata pensando a uno spazio limitato. Con l’asse telescopico e la sua corsa di 1.375 mm è possibile caricare anche tavole macchina di dimensioni superiori. Il sistema è in grado di gestire pezzi con dimensioni massime 400 x 400 x 400 mm, con un carico massimo pari a 150 kg. I magazzini, alti e stretti, sono in grado di alloggiare un elevato numero di pezzi. Si tratta di una soluzione piuttosto vantaggiosa, visto che normalmente lo spazio in alto non viene sfruttato.

Più sicurezza e minori costi per gli impianti periferici
La sicurezza anticollisione del robot viene garantita da sistemi di controllo autonomi. Il robot assicura il movimento del braccio solo quando è necessario e se i dispositivi di sicurezza consentono l’accesso al singolo magazzino. Oltre a una maggiore sicurezza, questa configurazione permette anche di lavorare con protezioni più funzionali. Le barriere di sicurezza sono realizzate in materiale più leggero. Non sono necessarie ulteriori aree di sicurezza. Il sistema di controllo centralizzato prevede esclusivamente i collegamenti necessari per le macchine utensili previste. Ulteriori ampliamenti dell’impianto si potranno effettuare acquistando i singoli componenti necessari. Le stazioni di carico integrate nei magazzini Rack svolgono il loro lavoro in maniera ottimale proprio come i tradizionali Loading Station, con la differenza che non occupano ulteriore spazio da terra.

Maggiore ergonomia e un cambio di utensili assai rapido
Erowa ha pensato di agevolare il lavoro degli operatori, sia per quanto riguarda l’intuitività dei simboli utilizzati nell’unità di comando sia per l’accesso ai magazzini. Le protezioni sono costituite da grandi lastre trasparenti che consentono di tenere perfettamente sotto controllo i processi.
I piani magazzino possono, se necessario, essere estratti a favore dell’operatore, il che agevola l’eventuale caricamento mediante carro ponte, ma permette anche di sostituire con facilità grandi quantitativi di elettrodi di piccole dimensioni. Con i dispositivi di handling Erowa di nuova generazione il tempo di cambio utensili truciolo/truciolo si riduce in maniera importante, grazie soprattutto all’impiego di pinze doppie associato alla funzione QuickChange del sistema di gestione processo. In questo modo, il robot viene portato in posizione di cambio pezzo ancora prima che la macchina abbia finito di lavorare il pezzo precedente. Questa funzionalità non è programmata stabilmente, ma viene ricalcolata e ottimizzata di volta in volta.
L’operatore si può occupare dei pezzi pronti e dei nuovi ordini in un solo magazzino lasciando disponibili tutti gli altri per gli spostamenti da parte del robot: un potenziale di autonomia piuttosto interessante, in particolare quando nel turno presidiato il robot deve continuare a caricare e scaricare le macchine in parallelo con l’allestimento e la preparazione degli ordini successivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.