Flessibilità e precisione al servizio della fresatura

Con un diametro mandrino che parte da 100 mm fino ad arrivare a un massimo di 160 mm, le macchine Fermat sono in grado di soddisfare le più diverse esigenze produttive trovando applicazione nei più differenti ambiti applicativi. Merito anche del concetto costruttivo di tipo modulare, che le rende configurabili in base alle specifiche esigenze di utilizzo.

di Sara Rota

Un fatturato di circa 80 milioni di euro all’anno; 650 dipendenti; 100 macchine prodotte e vendute mediamente ogni anno. Questi sono i numeri di Fermat, azienda ceca il cui core business è la produzione di fresatrici e alesatrici di grandi dimensioni. L’azienda conta otto filiali dirette, tutte ubicate all’interno del territorio della Repubblica Ceca; gli stabilimenti produttivi più importanti sono siti a Brno, Praga e Lipnik. Durante l’ultimo decennio, la società si è guadagnata grande visibilità sul mercato europeo (in Italia, le macchine Fermat sono distribuite dal rivenditore Precisionmark). A livello globale, le macchine di questo costruttore sono distribuite in oltre quaranta Paesi tra cui Canada, Stati Uniti, Russia, India, Cina e Sud America.

Solo componenti di alta qualità
Con un diametro mandrino che parte da 100 mm fino a un massimo di 160 mm, le macchine Fermat possono soddisfare le più diverse esigenze produttive trovando applicazione nei più differenti ambiti applicativi. Grazie a una produzione di tipo modulare, Fermat è in grado di fornire macchine “ad hoc”, configurate sulla base delle specifiche esigenze di utilizzo. Tutte le fresatrici e alesatrici Fermat, come i loro accessori, sono lavorate e assemblate all’interno degli stabilimenti Fermat. I componenti complementari alle macchine (come ad esempio le guide, i cuscinetti, i controlli numerici, …) appartengono invece ad alcuni dei marchi più noti nel proprio ambito di competenza (SKF, NSK, INA, Siemens, Heidenhain, Schneider, solo per citarne alcuni). Tutti i componenti vengono scelti con estrema cura in modo da garantire un alto livello qualitativo su ogni singola macchina. Qualità, affidabilità e flessibilità sono dunque gli elementi distintivi che identificano ogni macchina prodotta da Fermat.

Un “piccolo” modello per grandi prestazioni
In rappresentanza dell’ampio range di produzione proposto da Fermat descriviamo, in breve, la fresalesatrice orizzontale WFT 11 CNC.
Modello più piccolo del “best selling” Fermat WFT 13 CNC, la configurazione WFT 11 CN è dotata di un asse Y (con vite a ricircolo di sfere) del diametro di 63 mm. Il mandrino (con diametro 110 mm) è in grado di raggiungere un regime massimo di rotazione pari a 3.000 giri/min (l’attacco mandrino può essere di tipo ISO50, BT50 oppure CAT50). Le corse sono: X 2.000-3.000 mm, Y 1.250-1.700-2.000 mm e Z 1.250 – 1.700 mm. L’avanzamento rapido è 8 m/min. La colonna della macchina è realizzata in ghisa grigia, sinonimo di elevata rigidità. Grande affidabilità è garantita dall’utilizzo di componentistica di ultima generazione, come le guide lineari o i sistemi per la stabilizzazione termica. Elevata precisione di posizionamento è assicurata invece dall’impiego di due servoazionamenti posizionati nell’asse B, in grado di prevenire l’eventuale gioco della tavola rotante. Questi elementi fanno parte della configurazione standard della macchina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.