Non solo rettifica ma anche tornitura

Core business di Danobat Group è la produzione di rettificatrici sviluppate in un’ottica di Industria 4.0, in modo da aumentare il livello di automazione negli ambienti di produzione. Oltre alle rettificatrici, il programma di produzione si è però arricchito di un centro di tornitura in grado di rispondere alle esigenze sia di chi produce bassi volumi e lotti frequenti così come chi ha esigenze di grandi produzioni ma sempre senza però rinunciare alla precisione.

di Elisabetta Brendano

Danobat (membro di Mondragon Corporation) è un nome particolarmente noto nel settore della rettifica. Tutte le macchine proposte dall’azienda basca presente ormai a livello internazionale (e da quest’anno anche in Italia con la Danobat Srl, nello stabilimento di Bistagno in provincia di Alessandria) sono sviluppate in un’ottica di Industria 4.0, in modo da aumentare il livello di automazione negli ambienti di produzione. Una di queste è la rettificatrice senza centri Estarta-650, il cui impiego permette di ottimizzare i tempi ciclo e massimizzare la produzione. I principali vantaggi del suo utilizzo sono l’alta precisione, un aumento della produttività del 30% e l’elevata rigidità. È possibile raggiungere i 120 m/s di velocità periferica mola in passata riuscendo allo stesso tempo a minimizzare la generazione delle vibrazioni (fattore chiave nei processi di rettifica impegnativi).
La macchina, equipaggiata con motori lineari, ha un basamento in granito; è dotata di una testa di trascinamento con supporto supplementare che elimina le vibrazioni e di un nuovo sistema di smorzamento. Disponibile anche un sistema di guide di scorrimento a rulli che offre una maggiore sensibilità nel movimento. In questo modo, si elimina la componente idraulica rendendo così il modello Estarta-650 una rettificatrice eco-compatibile, che richiede meno energia e manutenzione.

L’asse B0 è orientabile fino a 91°
Per realizzare forme non cilindriche e raggi, Danobat propone la rettificatrice DANOBAT OVERBECK IRD-400. È indicata per la lavorazione di diametri interni ed esterni, per eseguire spallamenti e raggi e per la produzione di stampi e matrici. Alta precisione viene garantita nella lavorazione di pezzi ad alta complessità geometrica assicurando alta produttività.
Con questo tipo di rettificatrice è possibile ottenere finiture superficiali di qualità grazie all’utilizzo di un asse B0 orientabile fino a 91°. Tramite il controllo dell’asse è possibile realizzare profili interni complessi mediante un’unica mola e un unico percorso di contornatura. La torretta a quattro mandrini prevede una sonda di misurazione gestita dal software che rileva la posizione di origine del pezzo. In questo modo, nell’ultima passata di finitura il sistema è in grado di raggiungere la precisione di misura desiderata. In caso di profili circolari, l’errore di rotondità può arrivare fino a 0,5 µm. Un’altra caratteristica distintiva che identifica questo modello di rettificatrice è la precisione raggiunta nella sincronizzazione di tutti i movimenti degli assi, incluso l’asse di rotazione del pezzo (C0), che permette di eseguire operazioni di rettifica non cilindrica. In questo modo, oltre alla lavorazione di geometrie complesse mediante la rettifica a coordinate è possibile realizzare forme quadrate, rettangolari o a profilo libero con estrema accuratezza.

Un elevato grado di personalizzazione
LG è la sigla che identifica una serie di rettificatrici Danobat caratterizzate da grande precisione e un elevato grado di personalizzazione. Applicazioni tipiche della serie LG (alla scorsa BI-MU è stato presentato il modello LG-400) sono la produzione di componenti idraulici di precisione, alberi e ingranaggi automotive, utensili da taglio, camme o particolari con diametri eccentrici. Elevata ripetibilità è garantita dall’impiego di un basamento in granito naturale, dai motori lineari e dalle annesse righe ottiche. La testa portamola è provvista di elettromandrini raffreddati a liquido che raggiungono una velocità periferica massima di 120 m/s, impiegando mole convenzionali (45-60 m/s) o super abrasive (20-120 m/s). A governare la serie LG è il software Danobat DoGrind, interfaccia operatore semplice e intuitiva.

Per la rettifica di pezzi di media grandezza di una certa complessità
Nell’ambito delle rettificatrici verticali, Danobat presenta il suo più recente modello: la rettificatrice VG-800. Trova applicazione ideale nella rettifica di pezzi di media grandezza (800 mm di diametro e 600 mm di altezza) di una certa complessità. La macchina è stata configurata con carrelli indipendenti in modo da garantire elevata precisione di posizionamento e un alto grado di personalizzazione in base alle specifiche esigenze. La torretta, disponibile di serie, offre una vasta gamma di configurazioni.
Ciò rende la macchina assai versatile e flessibile, due requisiti necessari per eseguire differenti lavorazioni in un unico piazzamento. La rettificatrice Danobat è configurabile per lo svolgimento di diversi tipi di lavorazioni: rettifica, tornitura, foratura, alesatura, fresatura, operazioni di misura. Di serie, VG-800 è equipaggiata con una testa principale, con una seconda testa ad alta frequenza per la rettifica in interni e con un mandrino tangenziale, tutti sviluppati da Danobat. È dotata inoltre di un utensile in grado di misurare diametri interni, esterni, spallamenti e coni, con cui è possibile effettuare rilevamenti intermedi.
L’asse C si avvale della tecnologia idrostatica che garantisce una rotondità inferiore al micron e un’elevata finitura superficiale. Il motore lineare dell’asse X, controllato da una riga ottica, è mantenuto a temperatura costante e conferisce alla macchina la dinamica necessaria per eseguire interpolazioni di alta precisione. Il software utilizza l’interfaccia DoGrind Danobat che dispone di una libreria di programmi di rettifica, tornitura e misura, oltre che di un modulo per il risparmio energetico e la sostenibilità ambientale.

Precisione e stabilità in Hard Turning
Oltre alla rettifica, che resta il core business della società, Danobat propone anche una soluzione per la tornitura di grande precisione.
Si tratta del tornio LT-400, sviluppato per rispondere alle esigenze di chi produce bassi volumi e lotti frequenti o anche per chi si occupa di grande produzione ma sempre con esigenze di precisione da rettifica. LT-400 ha un basamento in granito naturale, sinonimo di grande stabilità termica e forte smorzamento delle vibrazioni. Il basamento è privo di stress residuo che mantiene invariata la propria precisione geometrica garantendo così molta più stabilità nella zona di lavoro rispetto a quella assicurata da altri materiali. Inoltre ha un’inclinazione di 45° per favorire l’asportazione del sovrametallo.
La macchina dispone altresì di carrelli a croce con tecnologia idrostatica senza contatto che oltre ad assicurare l’assenza di usura delle guide, impedisce l’effetto stick-slip e garantisce lo smorzamento delle vibrazioni. Il controllo costante della temperatura dell’olio conferisce al sistema idrostatico elevata stabilità termica.
I motori lineari degli assi X e Z, controllati da righe ottiche, sono refrigerati e mantenuti a temperatura costante. Rispetto ai sistemi convenzionali di trasmissione del movimento, questo tipo di motore allunga significativamente gli intervalli manutentivi grazie all’assenza di elementi meccanici intermedi.
Degna di nota è anche la torretta portautensili con cuscinetti idrostatici e motore integrato, entrambi termicamente controllati. Il tornio LT-400 è equipaggiato con una contropunta mobile azionata da un motore lineare che permette di velocizzare il processo di set-up al cambio pezzo. Il centro di tornitura sviluppato da Danobat è in grado di soddisfare i requisiti della produzione di componenti idraulici, cuscinetti, chiocciole di viti a ricircolo e componenti per attrezzature varie grazie alla capacità di lavorare materiali di elevata durezza con precisioni inferiori al micron.