Una nuova release in linea con le richieste del mercato

Oltre al nuovo modulo dedicato all’Additive Manufacturing, la prima versione dell’anno di Edgecam 2019 (la R1) include circa 30 migliorie, sviluppate per migliorare l’efficienza, la produttività e la facilità d’utilizzo del software.

di Laura Alberelli

Con l’arrivo del nuovo anno, ogni software house lancia sul mercato le nuove release dei propri sistemi. All’appuntamento non poteva certo mancare EdgeCAM, il CAM distribuito in Italia da ProCAM Group, azienda recentemente entrata a far parte di Vero Software (una delle società appartenenti al gruppo Hexagon Manufacturing Intelligence). EdgeCAM 2019 R1 è stata arricchita di un nuovo modulo dedicato all’AM e di oltre 30 migliorie, sviluppate per migliorare l’efficienza, la produttività e la facilità d’utilizzo del software. Il nuovo modulo dedicato all’Additive Manufacturing è stato introdotto per rispondere a una domanda di produzione ibrida in netta crescita. Con l’utilizzo del metodo Direct Energy Deposition, Edgecam offre un ciclo di produzione dedicato che guida accuratamente un laser al deposito di materiale per la creazione di una forma. Successivamente, la forma viene lavorata utilizzando i cicli di fresatura di Edgecam per realizzare il componente finale. In Edgecam 2019 R1 è previsto il pieno supporto ToolStore per la produzione additiva: le forme possono essere costruite utilizzando praticamente qualsiasi ciclo di fresatura. Sono inoltre comprese funzioni avanzate, come la lavorazione simultanea rotativa e a cinque assi. John Buehler di Vero Software, Brand Manager Edgecam, ha sottolineato come il nuovo ciclo di Additive Lace sia stato progettato per costruire la geometria con funzionalità layer-by-layer per il deposito di materiale fuso continuo che aderisce al materiale madre. “Usando la stessa intuitiva interfaccia di dialogo di tutti gli altri cicli di Edgecam, Additive Lace non solo offre la possibilità di lavorare con varie entità CAD, ma consente anche all’utente di determinare numerosi tipi di controllo, come l’angolo di attacco, il numero di passate di finitura e la modalità di lavorazione eventuale in sottosquadro”.

Migliori prestazioni in tempi inferiori
Oltre al nuovo modulo dedicato all’AM, Edgecam 2019 R1 include circa 30 migliorie. Per generare percorsi utensile rapidi in modo da ridurre i costi di produzione, nella versione R1 sono state introdotte tre migliorie in grado di aumentare le prestazioni del motore di calcolo, a vantaggio sia delle operazioni di tornitura che di fresatura. In questo modo, il tempo di rigenerazione si è ridotto di circa il 20% durante la modifica dei comandi Movimento Angolare/Index. Ha spiegato John Buehler: “In risposta ai feedback dei clienti, l’algoritmo di lavorazione di Waveform è stato migliorato così da ridurre i tempi di elaborazione. In precedenza, i colli di bottiglia nelle prestazioni venivano rilevati quando venivano utilizzati piccoli incrementi o su componenti con zone strette e regioni fortemente curve. Nella versione R1 del software, gli utilizzatori registreranno un risparmio medio di tempo compreso tra il 15 e il 60%, a seconda della complessità del componente e dei suoi parametri di ciclo”. Con la nuova versione, la lavorazione di componenti complessi di grandi dimensioni risulta considerevolmente più veloce grazie ai miglioramenti nel modo in cui il motore di calcolo di Edgecam genera i dati, e più precisamente nel modo in cui il software calcola la geometria prismatica all’interno del percorso utensile.

Novità anche nell’ambito della troncatura e della tornitura
Tra le novità della R1 di Edgecam 2019 anche un nuovo ciclo di troncatura. Come per il modulo precedente, anche in questo caso il nuovo ciclo è stato introdotto in risposta alla richiesta degli utenti Edgecam di non avere solo un semplice ciclo di troncatura ma di poter raccordare o smussare il particolare prima di tagliarlo, rimanendo sempre associativo al grezzo presente. Come per tutti gli altri cicli, anche nella troncatura sono presenti tutti gli help per ogni singolo parametro. Sono state inoltre aggiunte nuove funzioni al ciclo di finitura in tornitura in combinazione con gli utensili e con gli inserti CoroTurn® Prime di Sandvik Coromant. L’utilizzo del modificatore “Verso l’alto” inverte la direzione del percorso utensile in modo da poter utilizzare correttamente la geometria dell’inserto Prime. Inoltre, la velocità di avanzamento del ciclo può essere espressa usando il modificatore “Spessore truciolo”, così come nel formato tradizionale di avanzamento per giro. Alcune importanti migliorie sono state introdotte anche nell’ambito della tornitura. Più precisamente, nel ciclo di sgrossatura in tornitura la funzione “Uscita Esterna” è stata migliorata in modo da fornire un maggiore controllo del percorso utensile all’uscita della passata. Aver incluso i parametri “Angolo Uscita” e “Lunghezza Uscita” significa che i percorsi utensile possono essere trimmati in base a specifiche richieste provenienti dall’utente. “Entrambi i cicli di Filettatura e Finitura Gole beneficiano adesso della funzionalità presente in altri comandi di tornitura. Il modificatore di distanza di sicurezza è stato aggiunto ai cicli di Filettatura, per fornire un controllo più accurato nella posizione iniziale del percorso utensile. I percorsi utensile Finitura Gole possono essere controllati in maniera più precisa con i nuovi modificatori di estensione di inizio e fine”, spiega John Buehler. La funzione di Setup per torni plurimandrino include adesso le posizioni dell’angolo C principale e secondario, garantendo l’assenza di collisioni durante il comando di trasferimento delle parti.

Un livello superiore di algoritmi certificati e approvati
Numerose anche le novità introdotte in Edgecam Inspect. Sebbene Edgecam Inspect abbia meno di due anni, continua a crescere rapidamente tanto che in Edgecam 2019 R1 sono presenti 13 nuove migliorie. Conferma John Buehler: “In primo luogo, il motore matematico utilizzato è stato modificato in modo da poter utilizzare le librerie PCDMIS fornite dalla nostra società madre, Hexagon. Tutti i calcoli di Analisi Forma, come le deviazioni di misura e i valori GD & T, utilizzano adesso un livello superiore di algoritmi certificati e approvati. Da ricordare inoltre la disponibilità di diverse personalizzazioni. In passato, gli utenti dovevano accettare il Rapporto di misurazione standard, ma adesso possono sviluppare i propri plug-in software in modo da poterlo personalizzare.
Oltre a ciò, è possibile anche sviluppare i propri Cicli Fissi di ispezione, di solito in formato Renishaw o M&H”. Le funzionalità di misura possono essere gestite più facilmente, poiché tutti i comandi vengono creati automaticamente su livelli separati. “Inoltre, se la geometria del modello solido non è corretta o il modello non è disponibile, la nuova feature manuale permette l’ispezione di una specifica sezione”, ha aggiunto Buehler.
Attraverso il feedback degli utenti, le funzionalità specifiche di tastatura funzionano con le facce solide rotative e il feedback può anche includere la valutazione di Flessione Asse. Riprende Buehler: “Il miglioramento finale in quest’area fornisce due nuovi output di variazioni nella funzione Offset: Tipo e Assi. Queste funzioni forniscono un controllo maggiore e una routine di misura più dettagliata, mentre comunicano alla macchina utensile tramite il gateway NC”.

Anche funzioni per rilevare e controllare le collisioni
In EdgeCAM 2019 R1 sono presenti alcune funzioni destinate al rilevamento e al controllo delle collisioni.
Se anche nelle versioni precedenti di EdgeCAM era possibile effettuare il controllo di collisione sugli staffaggi, con la nuova release si può oggi controllare se un foro è ostruito da qualsiasi tipologia di attrezzatura.
Laddove esiste una collisione, il sistema rimuove la posizione di foratura e avvisa l’utente.
È stato inoltre aggiunto un ulteriore livello di controllo collisione al ciclo di smussatura in modo da garantire una verifica ancora più dettagliata sul percorso utensile. In particolare, le feature vicine che potrebbero entrare in contatto con l’utensile possono adesso essere escluse automaticamente.
Segnaliamo infine che Edgecam 2019 R1 supporta la più recente versione di tutti i file CAD.
“Concentrandosi su alcuni formati, gli utenti noteranno, ad esempio, il supporto per SpaceClaim 19 (ACIS V28), Parasolid versione 30.1.247, Inventor 2019 e Creo 5.0. Tutti gli altri formati CAD saranno gestiti man mano che sarà disponibile una versione più recente. Indipendentemente dalla licenza di un utente, ognuno sarà in grado di caricare i file di Designer e le estensioni * .v_t e * .vdf. Designer è il più recente pacchetto CAD proposto da Vero Software, con tecnologia di modellazione diretta. Questo rappresenterà un grande incentivo per quei produttori che non hanno ancora provato le potenti funzionalità di Solid Machinist di Edgecam”, conclude John Buehler.