FEMTOprint vince il Grand Prix des Exposants 2019

La società ticinese ha convinto la giuria di esperti grazie a SPOT-RVC, un’autentica innovazione sul mercato medtech che offre speranze a 16 milioni di persone in tutto il mondo affette da occlusione venosa retinica.

Ginevra, 18 giugno 2019. L’obiettivo di Safe Puncture Optimized Tool (SPOT), messo a punto dalla società svizzera FEMTOprint, è iniettare in sicurezza un farmaco che dissolve i coaguli nelle vene della retina senza danneggiare i tessuti grazie a un nuovo strumento medicale miniaturizzato ad alta precisione. FEMTOprint ha sviluppato questo strumento con il sostegno di Innosuisse, l’Agenzia svizzera per la promozione dell’innovazione, e in collaborazione con l’EPFL e con l’Ospedale oftalmico Jules-Gonin di Losanna. Sono stati depositati due brevetti.

In oftalmologia, l’occlusione venosa retinica (OVR) è una patologia vascolare causata dalla proliferazione di vasi sanguigni nella vena retinica che limitano l’afflusso di ossigeno alla retina provocando una grave e repentina perdita di visione. Questa patologia interessa oltre 16 milioni di persone in tutto il mondo. Le terapie standard per l’OVR sono poco soddisfacenti. Le difficoltà di trattamento sono legate alla fragilità e alle dimensioni delle vene, alla durata dell’iniezione e alla precisione del gesto medico. SPOT-RVC ha tutte le caratteristiche necessarie per sopperire a queste imperfezioni. I primi prototipi, in fase di validazione in vivo, hanno un tasso di successo del 100% in termini di sicurezza e controllo dell’iniezione, funzionamento della microfluidica e azionamento del sistema meccanico.
Si noti che è la seconda volta che FEMTOprint, società presieduta da Nicoletta Casanova, si aggiudica il Grand Prix des Exposants dopo una prima vittoria nel 2015.