La nuova prospettiva della visione ottica

Sermac, società italiana specializzata da oltre 20 anni in numerosi settori tra cui quello metrologico, propone un’ampia offerta di macchine di visione e misura 2D/3D con il proprio marchio TRC.
I nuovi videomicroscopi TRCVMAF e TRCVMAFPRO e la gamma di macchine di misura TRC JVB sono indicate per l’ispezione e misura ad alta risoluzione di numerose tipologie di particolari in serie, su monitor esterno e senza oculari.

di Claudio Tacchella

In un periodo storico in cui i vari settori del mercato sono sempre più interconnessi e la competizione tra i player globali si fa via via più intensa, la vera sfida da vincere per una azienda manifatturiera accorta consiste nel riuscire a realizzare prodotti di qualità, economicamente convenienti e in grado di generare profitto. Ed è qui che entra in gioco l’importanza di integrare, sia a monte che a valle della filiera produttiva, gli opportuni strumenti in grado di assicurare la qualità nel processo. Tra questi, i sistemi di visione e misura ottica rappresentano vere e proprie “armi vincenti”.
Per rispondere alle esigenze dinamiche dei clienti, l’industria delle macchine di visione e misura ottica offre prodotti e innovazioni tecnologiche in continua evoluzione, con particolare riguardo alla loro integrazione in ottica industria 4.0.

Un partner privilegiato nel campo dei sistemi di visione e misura 2D/3D
In questo contesto, forte di un vasto patrimonio di competenze tecniche specialistiche acquisite in oltre 20 anni di attività in numerosi settori tra cui quello metrologico, la società Sermac di Muggiò (MB) si propone come partner privilegiato nel campo dei sistemi di visione e misura 2D/3D. Afferma Alberto Gillio Tos, amministratore di Sermac: “Grazie al maggiore livello di accuratezza, affidabilità, ripetibilità nonché semplicità d’uso con tempi sempre più brevi, l’impiego di questi strumenti metrologici sta crescendo nella maggior parte delle applicazioni produttive, ora più che mai”. Infatti le macchine di visione e misura ottica stanno registrando una diffusione senza precedenti nei settori industriali, commerciali e dei servizi. In questi mercati di destinazione vi sono operatori ben radicati e competenti che mostrano un impegno continuo al miglioramento della qualità integrando nella filiera produttiva processi metrologici di ispezione/misura al fine di mantenersi competitivi. Interviene Nicolas Ricci, direttore generale di Sermac: “In partnership con un famoso costruttore asiatico, leader da oltre 50 anni nel campo metrologico, abbiamo sviluppato una gamma completa di macchine di visione e misura che proponiamo con il nostro marchio TRC. Esse implementano tutte le specifiche tecniche e caratteristiche qualitative dettate dalla nostra lunga esperienza sul mercato”.
Con un’attenta analisi di questi aspetti, il percorso evolutivo intrapreso da Sermac negli ultimi anni è stato quello di costruire una gamma completa di soluzioni a 360° atte a poter proporre oggi le configurazioni ottimali delle macchine di controllo e misura TRC dotate di accortezze tipiche solo di chi conosce profondamente lo strumento metrologico e le problematiche del processo da monitorare e misurare.
I nuovi videomicroscopi con autofocus TRCVMAF e TRCVMAFPRO sono indicati per l’ispezione ad alta risoluzione di numerose tipologie di particolari in serie, su monitor esterno e senza oculari. L’assenza degli oculari è un’importante caratteristica che evita uno dei grossi limiti degli strumenti ottici tradizionali, ovvero l’affaticamento dell’operatore che, nonostante tutti gli adattamenti possibili dello strumento, si trova spesso costretto ad assumere posture forzate e innaturali nell’uso che si riflettono sullo stato di salute nonché sul suo rendimento.
La visione su un ampio monitor esterno anziché con i tradizionali oculari, garantisce agli operatori massima ergonomia con un comfort d’uso davvero elevato.
“Con questa caratteristica – precisa Nicolas Ricci – il mondo della visione ottica assume una nuova prospettiva e l’ispezione di parti complesse, anche su componenti di altezze diverse, diventa un’operazione molto veloce e ripetibile”.
Il videomicroscopio integra una porta di collegamento video HDMI e permette la libera scelta al cliente del monitor a colori da impiegare tra diverse tipologie e rinomate marche, tutte in qualità full HD.
La rigida struttura meccanico/ottica è “all in one”, progettata per assicurare la massima stabilità di impiego, pronta all’uso e senza la necessità di collegamento ad un computer. Lo strumento è progettato con un gruppo ottico telecentrico di alta qualità con risoluzione ottica da minimo <8,77 µm a massimo <3,94 µm che assicura immagini nitide e senza distorsioni per tutto il campo visivo (FOV) da minimo 18,3×15,9×8,95 mm fino a massimo di 2,84×2,47×1,39 mm. La distanza focale di 88 ± 2 mm consente la visione di pezzi con altezza fino a 50 mm. L’ingrandimento dell’obiettivo è 0,7 – 4,5X. L’autofocus molto reattivo ed ulteriormente velocizzabile con un pomello apposito di regolazione fine dell’altezza e le tre tipologie di luci disponibili (episcopica, diascopica e coassiale), captano con grande accuratezza tutti i dettagli e le forme profilo da ispezionare, minimizzando i tempi improduttivi.
Le funzioni HDR integrate (High Dinamic Range), il sensore CMOS Color con alta risoluzione, il gruppo ottico di alta qualità costruttiva per ingrandimenti a monitor (1 – 6X) minimo 29,92-179,5X – massimo 192,34-1.154X, permettono ispezioni facili, veloci e precise. I campi di applicazione più diffusi sono la meccanica di precisione, l’automotive, l’orologeria, l’elettronica, la telefonia mobile. La linea dei nuovi videomicroscopi TRCVMAF e TRCVMAFPRO comprende numerosi accessori opzionali, per garantire la personalizzazione del proprio set di visione.

Software con interfaccia semplice ed essenziale
Il software è stato appositamente progettato per presentare un’interfaccia con grafica essenziale e particolarmente intuitiva nell’utilizzo. Con la funzione di settaggio, sono selezionabili tutti i parametri necessari per la migliore ispezione ottica e di generazione delle immagini. I parametri base includono la regolazione della luminosità, bilanciamento del bianco, contrasto, nitidezza, archiviazione delle immagini, dei video ecc. Funzioni ausiliarie includono inoltre la modalità di selezione della messa a fuoco, quella per la scelta di immagini in bianco/nero o colori, il display del reticolo, ecc. Oltre alla sezione di settaggio, le altre funzioni d’uso sono immediatamente fruibili dall’operatore con un semplice click, come per esempio la selezione dell’autofocus e focus manuale, il centraggio ottico visivo, lo scatto di immagini istantanee in HDR e registrazioni di video in HD con un frame rate di 1.080Px60FPS e regolazione della velocità dell’otturatore elettronico da 1/60S fino a 1/10.000S.
Lo strumento è dotato inoltre di un’uscita dati tramite porta USB per salvataggio ed esportazione di immagini e video su PC o Hard Disk esterni oppure su schede TF Card tramite apposita porta slot.
Anche la gamma delle macchine TRC per la visione e misura 2D/3D sono realizzate con i più alti standard costruttivi/qualitativi e possono essere configurate per adattarsi a specifiche applicazioni.
La gamma si declina in 9 modelli che si distinguono per caratteristiche tecniche specifiche quali per esempio le corse assi X/Y/Z, i comandi assi manuali, motorizzati o gestiti da CNC e le varie configurazioni meccaniche/software.
“Non ci sono limiti alle geometrie misurabili”, ha sottolineato Nicolas Ricci. “La combinazione di videocamera digitale CCD ad alta risoluzione, ottica telecentrica, luce episcopica e diascopica a LED regolabile, possibilità di aggiungere una luce coassiale e parallela apposite per alberame, facilitano la misurazione di particolari singoli o combinati, con qualsiasi forma, anche di pezzi torniti, componenti stampati ecc. e di qualsiasi materiale dal metallico al plastico, trasparenti od opachi”.

La misura nel campo visivo
Le macchine TRC sfruttano tutte le potenzialità della misurazione senza contatto e ad alta risoluzione del gruppo ottico telecentrico all’interno del campo visivo (FOV) per garantire risultati in 2D di alta precisione, rapidi e semplici nell’impiego sia su particolari di piccole che grandi dimensioni, per pezzi fino a 30 kg, in pochi passi operativi. Le misurazioni in 3D vengono effettuate tramite un apposito tastatore Renishaw montato sulla testa. Per pezzi dove la misura attraverso la visione o il tastatore 3D pone dei limiti, in opzione è possibile montare un dispositivo laser di misurazione in grado di risolverli.
Sul modello TRC JVB300CT, l’operatore può eseguire misurazioni accurate e ripetibili in totale comfort grazie alla tavola del piano lavoro movimentabile da CN con corse assi X/Y/Z di 300x200x200 mm.
La precisione degli assi X/Y è di 3+(L/200) µm (L=lunghezza da misurare in mm), quella dell’asse Z è di 5+(L/200) µm con risoluzione ≤0,5 µm e ripetibilità ≤2 µm. Il gruppo ottico, con autofocus molto reattivo, permette un ingrandimento di 0,7X – 4,5X con un ingrandimento a monitor fino a 28X – 180X. Le macchine vengono fornite con un software intuitivo per misure singole o combinate.
Le funzioni di presa punti e costruzione degli elementi geometrici sono rapide e semplici da utilizzare così come la creazione libera dei programmi di misurazione.
Tra le funzioni più rilevanti possiamo citare quelle per la scansione e mappatura del pezzo con la possibilità di effettuare poi misurazioni su scansioni o mappature, la funzione che permette la misurazione dell’altezza focale rapida con videocamera, l’esecuzione dei programmi in automatico sia con pezzo nella stessa posizione che con pezzo spostato in altro punto del vetro, il salvataggio dei programmi pezzo anche con cambio ingrandimenti e luci, la memorizzazione della sequenza rapida per controllo pezzi in serie, l’esportazione dei report con valori, grafici e immagini nei formati standard Office e CAD più diffusi.
Per Sermac uno dei principali punti di forza che la caratterizza è la capacità di proporsi come partner tecnologico, motivo per cui la società è strutturata per fornire un supporto qualificato pre e post vendita, come spiega lo stesso Alberto Gillio Tos: “Il servizio che forniamo include anche corsi di formazione all’uso dei nostri prodotti, giornate di approfondimento sulle novità e tendenze nel settore metrologico e studi di fattibilità nonché prove tecniche presso il nostro laboratorio realizzati insieme al cliente. Siamo convinti che per essere competitivi e vincenti sul mercato sia necessario essere costantemente vicini ai clienti in modo da rispondere alle loro richieste con soluzioni sempre più flessibili e personalizzate, capaci di risolvere le differenti problematiche di ciascun settore applicativo”.